Il gruppo “Ti Ascolto” ringrazia

Sabato 2 febbraio il Gruppo Alpini di Torre Boldone ha effettuato una
raccolta di alimenti e beni di prima necessità presso la Conad di Torre
Boldone. La raccolta è stata destinata al Centro “Ti ascolto” ed è stata molto
fruttuosa. Ringraziamo di cuore il Gruppo Alpini per la sempre grande disponibilità a supportare il nostro gruppo e di conseguenza tante famiglie del nostro paese, che necessitano di aiuto.
Il gruppo “ti ascolto”

La festa di San Biagio

Nella domenica 3 febbraio al termine di ogni celebrazione Eucaristica, i nostri sacerdoti hanno impartito  la tradizionale “imposizione delle candele” alla gola di ogni fedele che si è accostato con devozione ai piedi dell’altare. All’imposizione delle due candele ai lati della gola come a proteggerla dai mali corporali e spirituali hanno formulato questa breve preghiera:

“Il Signore misericordioso, per intercessione di San Biagio, ti conceda la salute del corpo e la consolazione dello spirito. Amen”. Una tradizione molto sentita e ancora tanto partecipata dai nostri parrocchiani, che certamente evidenzia quanta fede e devozione venga riposta in questi antichi riti, che  rivelano attualità e saggia comprensione per le difficoltà del  vivere quotidiano.

PREGHIERA A SAN BIAGIO

O Glorioso San Biagio, che, con una breve preghiera, hai restituito la perfetta sanità ad un bambino che per una spina di pesce attraversata nella gola stava per mandare l’ultimo anelito, ottieni a noi tutti la grazia di sperimentare l’efficacia del tuo patrocinio in tutti i mal di gola, ma più di tutto, di mortificare con la fede pratica dei precetti della Santa Chiesa, questo senso tanto pericoloso, e di impiegare sempre la nostra lingua a difendere le verità della fede tanto combattute e denigrate ai nostri giorni. Amen

LA LEGGENDA DEL PANETTONE

Un’antica leggenda popolare narra che una donna, poco prima di Natale, si recò da un frate di nome Desiderio per fare benedire il panettone che aveva preparato per la sua famiglia. Il frate, avendo poco tempo a disposizione, le chiese di lasciargli il dolce e tornare a prenderlo dopo qualche giorno, così lo avrebbe benedetto appena ne avrebbe potuto. Solo dopo Natale, però, il prelato si accorse di avere ancora suddetto panettone, del quale si era completamente dimenticato.

Così il frate pensò che la donna se ne fosse dimenticata ed iniziò a mangiarlo pian piano, per non buttarlo. Il 3 febbraio la donna però si presentò dal frate per avere indietro il suo panettone benedetto. Frate Desiderio, dispiaciuto per averlo già mangiato, si recò comunque a prendere il recipiente vuoto da restituire alla donna. E qui la sorprendente scoperta: c’era un panettone grande per due volte quello che gli era stato lasciato a Natale. Un miracolo avvenuto proprio nel giorno di San Biagio, protettore della gola. Da allora l’usanza è quella di consumare un panettone, definito appunto di San Biagio, proprio in questo giorno.